top of page

Rara Avis: Moda in Volo


La mostra "Rara Avis: Moda in Volo", curata da Sofia Gnoli, rappresenta un evento imperdibile per gli appassionati di alta moda e arte. Situata nelle Uccelliere Farnesiane, un gioiello storico incastonato negli Horti Farnesiani sul Palatino, questa esposizione celebra il fascino e la suggestione tra moda e volatili. Visitabile fino al 21 luglio 2024, la mostra è organizzata e promossa dal Parco Archeologico del Colosseo, un’istituzione rinomata per la valorizzazione del patrimonio culturale italiano.


Thierry Mugler, Haute Couture primavera/estate 1997, Les Insectes. Abito-guaina in velluto con ali di piume multicolori Modella Simonetta Gianfelici Photo by Patrice Stable ©Courtesy of Mugler
Thierry Mugler, Haute Couture primavera/estate 1997, Les Insectes. Abito-guaina in velluto con ali di piume multicolori Modella Simonetta Gianfelici Photo by Patrice Stable ©Courtesy of Mugler

Rara Avis esplora il rapporto tra la moda e il mondo degli uccelli, offrendo una panoramica su come questi affascinanti animali abbiano influenzato il design e la creatività dei più grandi stilisti. Tra le creazioni in mostra, spiccano alcune opere iconiche che rappresentano perfettamente questo connubio.


Tra le creazioni iconiche in mostra, si distingue la Spuma di Tulle con Candide Ali di Maria Grazia Chiuri per Dior (Cruise 2022). Questo abito, una rilettura moderna del celebre "abito cigno", trae ispirazione da un costume indossato da Marlene Dietrich a un ballo in maschera del 1935. La delicatezza del tulle e la purezza delle ali bianche evocano un'immagine eterea, quasi celestiale.



L’Abito-Corsetto in Organza di Dolce&Gabbana (Collezione Firenze 2020) rappresenta un capolavoro di artigianato. Ricamato con piume di gallo e fagiano, aggiunge un tocco di esotismo e raffinatezza, trasportando chi lo osserva in un mondo di eleganza senza tempo.




Similmente, l’abito di Capucci, ispirato al Giardino dell’Eden e popolato da animali variegati, evoca un giardino in movimento, con forme e colori che richiamano un mondo paradisiaco e ricco di vita.


 

Rara Avis, la moda e i volatili alle Uccelliere Farnesiane


Il Fourreau di Thierry Mugler (Haute Couture Autunno/Inverno 1997) è ispirato a una farfalla e a un uccello del paradiso. Questo abito rappresenta un esempio di come la moda possa trasformarsi in arte. Le linee fluide e i dettagli raffinati ricordano le ali di una farfalla, conferendo all'abito un senso di leggerezza e grazia. Un altro pezzo straordinario è l’abito in piume di Prada (Primavera/Estate 2005), caratterizzato dall'uso innovativo delle piume. Prada riesce a combinare modernità e tradizione, creando un abito che è al tempo stesso audace e sofisticato.



 Givenchy by Alexander McQueen, Haute Couture autunno/inverno 1997, Look 40. Abito bustier rivestito di piume e gonna drappeggiata in pizzo. Modella: Shalom Harlow (da specificare in didascalia) Credito fotografico: © GIVENCHY. Photo by Bruno Pellerin
Givenchy by Alexander McQueen, Haute Couture autunno/inverno 1997, Look 40. Abito bustier rivestito di piume e gonna drappeggiata in pizzo. Modella: Shalom Harlow (da specificare in didascalia) Credito fotografico: © GIVENCHY. Photo by Bruno Pellerin

Il percorso espositivo di Rara Avis si sviluppa attraverso tre sezioni principali, ognuna delle quali offre una prospettiva unica sul tema degli uccelli nella moda. La prima sezione, "Il Mito", esplora le radici mitologiche e simboliche degli uccelli nell'arte e nella cultura. Gli abiti esposti in questa parte della mostra riflettono leggende e storie antiche, mostrando come queste creature alate abbiano ispirato l'immaginazione umana per secoli.


Dolce&Gabbana Alta Moda Firenze 2020 – Look 23, Clarice Abito corsetto in organza interamente ricamato con piume di gallo e fagiano ©Courtesy of Dolce&Gabbana
Dolce&Gabbana Alta Moda Firenze 2020 – Look 23, Clarice Abito corsetto in organza interamente ricamato con piume di gallo e fagiano ©Courtesy of Dolce&Gabbana


Rara Avis: Le ALI, irreALI, reALI


La seconda sezione, "Caleidoscopiche Visioni", offre ai visitatori la possibilità di ammirare una serie di creazioni che esprimono la varietà e la bellezza del mondo avicolo. I colori vivaci e i disegni audaci evocano un senso di meraviglia e di scoperta, invitando il pubblico a vedere il mondo attraverso una lente caleidoscopica.


Infine, "Le ALI, irreALI, reALI" è dedicata alla rappresentazione contemporanea degli uccelli nella moda. Gli abiti e gli accessori esposti in questa sezione mostrano come gli stilisti moderni interpretano e reinventano il tema avicolo, creando opere che sono sia fantasiose che realistiche.



Articolo "Più piume", Vogue Italia, n° 539, luglio 1995. Credito fotografico: Courtesy of Stefano Piaggi. Autorizzazione alla riproduzione concessa da Conde Nast
Articolo "Più piume", Vogue Italia, n° 539, luglio 1995. Credito fotografico: Courtesy of Stefano Piaggi. Autorizzazione alla riproduzione concessa da Conde Nast

Oltre a celebrare la bellezza della moda, Rara Avis offre anche un’occasione per riflettere sul rapporto tra uomo e natura. Gli uccelli, con la loro capacità di volare e la loro varietà di forme e colori, rappresentano un simbolo potente di libertà e creatività. L'esposizione esplora come questi temi si riflettano nel lessico artistico e culturale dell'umanità, invitando i visitatori a considerare il proprio rapporto con il mondo naturale.


La mostra Rara Avis: Moda in Volo è un evento che non può essere perso. Le Uccelliere Farnesiane, con la loro bellezza storica e la loro posizione suggestiva, offrono lo sfondo perfetto per questa celebrazione della moda e della natura. Visitate l'esposizione entro il 21 luglio 2024 e lasciatevi incantare dalle straordinarie creazioni che uniscono l'arte della moda con il fascino eterno degli uccelli.


Elena Parmegiani




Ph. see captions




Komentarze


bottom of page